MENU

MENU

Accoglienza Notturna per Persone Senza Fissa Dimora

Le avversità possono modificare e a volte stravolgere l’esistenza, ma tutti abbiamo diritto ad un luogo in cui ritrovare calore, dignità, rispetto, cure.

Le nostre Accoglienze notturne sono realizzate nell’ambito del Progetto “Home Less, Heat More” i cui Partners sono Città di Torino, Caritas Diocesana di Torino, Compagnia di San Paolo, impegnati da anni nella strutturazione di un servizio di welfare cittadino stabile destinato alle persone senza fissa dimora, con un’ampia offerta che comprende oltre alla gestione della “notte” anche percorsi di inclusione sociale (accoglienza specialistica notturna specialistica per problematiche di dipendenza e/o psichiatriche; accompagnamento presso altri servizi sociali e sanitari del territorio; area della socializzazione; percorsi di ricognizione delle competenze/formazione/abilitazione al lavoro).

Noi contribuiamo con i nostri 4 servizi di accoglienza serale e notturna, differenziati per necessità e tipologia di utenza:

  • Accoglienza femminile “Protagonista Donna”
  • Accoglienza maschile “Betania”
  • Accoglienza maschile “Gran Madre”
  • Accoglienza maschile “Comunità del Corso” per persone con problematiche di dipendenza da alcol e sostanze, servizio in collaborazione con il Dipartimento delle Dipendenze ASL Città di Torino

Le accoglienze, aperte da metà pomeriggio al mattino seguente, offrono cena, colazione, lavanderia e sala TV.

I servizi sono coordinati da operatori qualificati disponibili all’ascolto e a orientare le persone a servizi sanitari e sociali del territorio in base ai propri bisogni.

DIPENDENZA DA SOSTANZE

Assistiamo chiunque si rivolga a noi, individuando insieme un programma di trattamento personalizzato, che accompagni la persona in un graduale e reale recupero.

ALCOLDIPENDENZA

La persona affetta da alcoldipendenza si illude di controllare l’alcol. Il problema può essere affrontato efficacemente con un programma di trattamento adeguato e rispondente ai bisogni della persona e alle sue esigenze sociali e lavorative.

GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO

Il disturbo da gioco d’azzardo dà luogo a problemi relazionali, economici, familiari, lavorativi: è possibile ricorrere ad un programma di aiuto, consulenza, cura e riabilitazione.