MENU

MENU

Definizione e sintomi dell’alcolismo cronico

L’alcolismo cronico è una patologia legata alla dipendenza da sostanze alcoliche e si manifesta con la ricerca e l’assunzione costante di alcol che compromette la vita e lo stato fisico di un individuo.

Conoscere cos’è l’alcolismo cronico, quali sono i sintomi fisici e mentali e la terapia di riabilitazione più adatta, possono aiutare chi ne è affetto a riconoscere la gravità della patologia e a chiedere aiuto.

dipendenza da alcol craving

Alcolismo cronico: definizione

L’alcolismo cronico è una patologia legata alla dipendenza da alcol, caratterizzata dalla massiccia assunzione di alcol per un periodo di tempo prolungato. Il soggetto che ne è affetto presenta i caratteristici sintomi dell’etilismo e gli effetti collaterali dell’astinenza.

Le cause scatenanti non sono note, ma i medici hanno riscontrato elementi genetici e fattori ambientali che possono indurre alla dipendenza: come la presenza di alcuni geni nel DNA che spiegano la familiarità della dipendenza, quando persone della stessa famiglia sono affetti da etilismo.

I sintomi dell’alcolismo cronico 

Assumendo quantità elevate di  alcol in maniera continuativa l’organismo sviluppa una serie di sintomi molto riconoscibili, riconducibili all’alcolismo cronico.
Tra i sintomi principali dell’alcolismo cronico:

  • ricerca costante del bere;
  • assunzione sempre più elevata di alcol all’innalzarsi della soglia di tolleranza;
  • sintomi legati all’astinenza (tremore, palpitazioni, nausea);
  • difficoltà nel mantenere relazioni sociali e lavorative.

Tra i sintomi e i fattori scatenanti dell’alcolismo cronico troviamo degli stati mentali alterati, come la depressione e l’ansia

Alcolismo cronico: conseguenze

Le conseguenze dell’alcolismo cronico sono gravose sia per il fisico che per la mente, perché questa patologia si protrae per molto tempo e spesso non viene curata nello stadio iniziale.

Dal punto di vista fisico, la cronicità della malattia si tramuta in un aumento di alcune patologie già presenti nel soggetto o causate dall’alcol, tra le più comuni: problemi allo stomaco, cirrosi del fegato, pancreatite, neuropatie e problemi al cervelletto.

Tra le patologie mentali più diffuse ci sono: la depressione che si protrae per lungo tempo, stati di confusione mentale, perdita di memoria, repentini cambiamenti dell’umore e alterazione dei ritmi di sonno/veglia.

Alcolismo cronico: terapia

Il primo passo per uscire dall’alcolismo cronico, come per ogni altra forma di dipendenza legata all’alcol, è comprendere la gravità della propria situazione, iniziando ad aprirsi e a richiedere aiuto alla famiglia e ai propri cari, per poi rivolgersi a un un aiuto professionale per il recupero dalla dipendenza.

Il percorso psicologico personalizzato e, se necessaria, la terapia farmacologica possono dapprima aiutare il paziente a contrastare il desiderio di bere e di ricorrere all’alcol per risolvere i problemi e, successivamente, mantenere la propria astinenza dall’alcol evitando le ricadute.

Tra le strutture più indicate per la riabilitazione dall’alcolismo cronico le Comunità Terapeutiche sono tra le più diffuse. Aiuto psicologico e farmacologico sono affiancati alla vita in comunità, dove la persona affronta la propria dipendenza insieme a persone che condividono una situazione simile.
Il Centro Torinese di Solidarietà è un centro specializzato per la cura dell’alcolismo, aiutando le persone a abbandonare il bere, a ricostruire i rapporti sani con amici e familiari e a riprendere il controllo su tutti gli aspetti della loro vita.

Ultime News