• Centro Torinese Solidarietà
  • Centro Torinese Solidarietà
  • Centro Torinese Solidarietà
  • Centro Torinese Solidarietà
  • Centro Torinese Solidarietà

dipendenza da alcol

recupero alcolismo

L’alcolismo distrugge la tua vita poco per volta.

Hai l’illusione di controllare l’alcol: ma l’alcol è più forte di te.

E’ distruttivo, rallenta i tuoi gesti, rallenta i tuoi pensieri.

Molte volte hai provato a fermarti, a smettere.

Ma la bottiglia sembra nella tua vita, per sempre

Se desideri sapere di più sui programmi di trattamento dell’alcolismo.

Problema alcol in famiglia

Spesso ci accorgiamo che un nostro familiare è governato dall’alcol, prigioniero dell’alcol: gli parliamo, ma non riusciamo in nessun modo ad aiutarlo veramente. E il suo problema diventa un problema apparentemente irrisolvibile per tutta la famiglia.

Se desideri sapere di più sui programmi di trattamento dell’alcolismo

Hai bisogno di ascolto, informazioni o chiarimenti su problemi di alcol?
Puoi rivolgerti al Centro Torinese di Solidarietà.
Chiama il numero 011 - 8126618
Chiama il numero verde 800.087.999
Fissa un colloquio!

Un programma di trattamento

Uscire dal problema dell’alcolismo è possibile: il CTS ha un’esperienza trentennale e dispone di un serio programma di trattamento per aiutare la persona a cambiare il proprio stile di vita, a migliorare la qualità della propria vita, ad elaborare un’esistenza di nuovo serena, libera dall’alcol.

Se desideri sapere di più sui programmi di trattamento dell’alcolismo

La dipendenza da alcol

La dipendenza da alcol rientra nel gruppo dei cosiddetti disturbi alcool-correlati, e causa problemi clinici, sanitari, familiari, sociali, lavorativi.

L’alcolismo, conosciuto anche come alcoldipendenza o bere problematico, riguarda problemi da abuso e da dipendenza alcolica.

In successione esiste il bere occasionale, cui segue l’abuso di alcol e la dipendenza fisica.

Il soggetto che abusa incorre generalmente in una serie di problemi di relazione, problemi lavorativi e sociali, derivanti dal consumo eccessivo di bevande alcoliche.

L’acuirsi dei problemi alimenta a sua volta la dipendenza, che è di tipo psicologico: la persona ricerca l’alcol per placare l’ansia, sentirsi in forma, superare stati depressivi, non pensare ai problemi personali.

Nella dipendenza da alcool il paziente sviluppa un legame forte con l’alcol e il tentativo di sospendere l’uso comporta la comparsa dei sintomi fisici di astinenza.

L’abuso inoltre comporta la tolleranza a livello organico cioè la diminuzione dell'effetto inebriante dell'alcool alle dosi abituali: così il soggetto, per provare nuovamente uno stato euforizzante, è costretto ad aumentare la quantità di alcool consumata, raggiungendo dosi che in un soggetto normale comporterebbero serie alterazioni funzionali.

Quando subentra la dipendenza fisica da alcool, l’esistenza è seriamente compromessa perché la persona che ne è affetta spende una gran quantità di tempo e di energia durante la giornata al solo scopo di procurarsi la sostanza; la sua vita sociale ruota intorno all’alcol, bere alcol, procurarsi alcol.

Se desideri sapere di più sui programmi di trattamento dell’alcolismo

Astinenza

L’astinenza da alcol è il segnale di una condizione di dipendenza fisica dall’alcol. L’astinenza si manifesta nel momento in cui la persona che sta cercando di smettere o che semplicemente è impossibilitato a procurarsi l’alcol interrompe l’assunzione: in questi casi compaiono sintomi che evidenziano come l’organismo - ormai abituato alla presenza dell’alcol - si ribella quando tale sostanza viene a mancare e il tasso alcolemico nel sangue cala sensibilmente. La persona cade in un stato di malessere generalizzato.

I sistemi di controllo cerebrali che regolano la sensazione di piacere richiedono che la quantità di alcol nel sangue venga riportata alla “normalità” e assicuri nuovamente un certo stato di “benessere”. Ecco perché la persona che vive la situazione di astinenza prova questo bisogno impellente di riprendere a bere e assumere alcol.

Se desideri sapere di più sui programmi di trattamento dell’alcolismo.

 

Effetti e patologie legate all’abuso

Data la particolarità dei sintomi e l’intensità che possono raggiungere, l’astinenza da alcol può risultare molto più drammatica di quella di altre droghe, come ad esempio quella da eroina.

Solitamente i primi sintomi di astinenza da alcol si cominciano a manifestare dopo poche ore dall’ultima assunzione e possono protrarsi anche per diversi giorni, con strascichi che possono essere ancora presenti dopo diverse settimane.

I sintomi della crisi d’astinenza da alcol più facilmente riscontrabili comprendono:

  • agitazione,
  • sudorazione eccessiva,
  • dolori muscolari ed alle ossa,
  • insonnia,
  • diarrea,
  • vomito,
  • forte cefalea,
  • brividi di freddo,
  • pelle d’oca,
  • forti tremori alle mani e alle gambe,
  • tachicardia e disturbi gastrointestinali.

Nella sua forma più grave, invece, l’astinenza da alcol si manifesta dopo circa 24 ore con tutta una serie di sintomi che possono essere fortemente invalidanti.

I sintomi di questa forma di astinenza da alcol sono caratteristici di stati di alcolismo particolarmente avanzati ma, anche se in forma più lieve, possono essere presenti a tutti i livelli di dipendenza dall’alcol.

Dopo circa 24 ore dall’ultima assunzione, possono avere luogo manifestazioni di:

  • forte ansia,
  • convulsioni (in alcuni casi assimilabili a vere e proprie crisi epilettiche),
  • stato di forte confusione,
  • panico,
  • condizioni di delirio,
  • allucinazioni,
  • delirium tremens (insieme di sintomi caratterizzato da forte agitazione, aumento della frequenza respiratoria e della temperatura corporea, deliri allucinatori e forte tremore diffuso in tutto il corpo).

Tutti i sintomi di astinenza da alcol tendono ad attenuarsi fino a svanire del tutto nell’arco di 5/7 giorni, anche se alcuni possono protrarsi per diverse settimane, in forma molto lieve (ad esempio gli stati d’ansia, difficoltà a dormire o disturbi gastrointestinali).

Se desideri sapere di più sui programmi di trattamento dell’alcolismo.

Danni fisici dell’alcol

L’organo più compromesso è il fegato, che metabolizza la maggior parte dell’alcol assunto.

I danni fisici maggiormente riscontrati sono:

  • neuropatia periferica, legata a deficienza di vitamina B1. I danni si manifestano con torpore, formicolio e parestesia agli arti;
  • esofagiti e gastriti, spesso in associazione a dolori addominali, anoressia, vomito e sanguinamento, causate dall’azione irritante dell’etanolo sulle mucose;
  • diarrea o costipazione dovute all’irritazione delle pareti intestinali
  • infiammazioni curabili dell’apparato digerente
  • pancreatite acuta e cronica

Se desideri sapere di più sui programmi di trattamento dell’alcolismo

CENTRO TORINESE DI SOLIDARIETA' soc.coop.r.l. | 396, Corso Casale - 10132 Torino (TO) - Italia | P.I. 05729700012 | Tel. +39 011 8126618 | Fax. +39 011 8127053 | info@ctstorino.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite